LISA AKBARI GROW HAIR 24 INCHES

Two ways to search:

Retail Locations
But hey - People spend more than 30 bucks at one salon visit H it had 57 Articles. Which Namaz Allah likes among Nafli Namaz? It is regarded as biggest street in the world. Aug 23, Trib Total Media. What is the meaning of Akhirah?

Hair Nutrition System

Similar authors to follow

Berlage nam in zijn plan op een: Teleurgesteld Pas in mag de gemeenteraad zich uitspreken over dit tweede ontwerp. Hij vindt het minder mooi dan het eerste. Eén raadslid noemt het afgeroomde melk. En een ander zegt: Mooi is het niet; het is veel leelijker, of laat ik liever zeggen: De gemeenteraad heeft de keus tussen het plan als geheel aan te nemen of te verwerpen.

Hij kiest noodgedwongen voor het eerste. Door de onteigening van de Binnendijksche Buitenveldersche polder is de grond binnen plan-Zuid duur geworden. Daarom mogen particulieren er woningen bouwen met hoge huren.

Ook woningbouwverenigingen krijgen grond in erfpacht. Het ontwerp van Berlage reikt tot over de stadsgrenzen heen. In annexeert Amsterdam opnieuw een deel van Nieuwer-Amstel. De zuidelijke grens loopt dan tot en met de noordzijde van de Kalfjeslaan. Amstels Bouwvereniging Tot afschuw van de socialistische fractie in de gemeenteraad, vindt de regering in dat er vooralsnog genoeg arbeiderswoningen zijn. Nu is het de beurt aan de hogere inkomens, meent zij. Als particulieren voor die groep woningen gaan bouwen, kunnen zij een premie krijgen van de overheid.

Die krijgt van de gemeente grond in erfpacht in plan-Zuid. De bouw start in met woningen in de noord-oosthoek van de Rivierenbuurt. Deze zijn ontworpen door 17 architecten. Aan stadsarchitect van Publieke Werken, A. Hulshoff, vraagt ABV een commissie samen te stellen voor het esthetisch toezicht. Mario Morgenstond is te spreken op afspraak in het politiebureau, Pr. Het Wijkteam Van Leijenberghlaan heeft de buurten Buitenveldert en Prinses Irenebuurt Zuidas verdeeld in 5 buurtregiebuurten en heeft op dit moment vier buurtregisseurs: Pars van Gessel Buitenveldert Zuid-Oost: Fred Hess Buitenveldert Noord-West: Jaap van Zanten Pr.

Michael Zwart De buurtregisseurs zijn te bereiken via telefoonnummer De huurteams in de Rivierenbuurt en Buitenveldert adviseren huurders over de huurprijs en de kwaliteit van woningen. De huurteams helpen de puntentelling te bepalen op basis van het woningwaarderingssysteem en kunnen aan de hand daarvan de maximale huurprijs berekenen. Ook onderhoudsklachten worden beoordeeld, en zonodig wordt een procedure bij de Huurcommissie gestart. Huurteams kunnen ook helpen bij het beoordelen van de redelijkheid van de huur binnen zes maanden na het afsluiten van het huurcontract.

De ondersteuning is gratis. De huurteams leggen huisbezoeken af en bieden gratis hun diensten aan. Huurders kunnen ook zelf bellen voor een afspraak of het inloopspreekuur bezoeken.

Indien nodig begeleiden huurteams huurders of bewonersgroepen die voor de Huurcommissie of de Kantonrechter moeten verschijnen i. Hulshoff nemen de architecten J. Staal zitting in de commissie.

Allen behoren tot de architectonische stroming Amsterdamse School. Taken Architecten die voor ABV werken maken schetsontwerpen voor gevels. Eén van hen ontwerpt een profiel van straten en pleinwanden.

Het eindresultaat leggen ze voor aan hun opdrachtgevers en aan de commissie. In overleg met ABV benoemt de commissie een bureauchef. Die houdt dagelijks toezicht op de bouwactiviteiten. Daarnaast houdt de commissie zich bezig met de samenhang van de gevels, opdat de ontwerpen van de verschillende opdrachtgevers niet het straatbeeld zullen verstoren. Andere punten van aandacht zijn: En indien nodig bemiddelt de commissie bij wrijvingen tussen opdrachtgever en architect.

Amsterdamse School Aan het begin van de twintigste eeuw ontstaan er twee architectonische stromingen: Beide gaan in Amsterdam een belangrijke rol spelen. De voorkeur van het gemeentebestuur gaat uit naar de Amsterdamse School. Die is expressief en uitbundig. De architecten maken gebruik van baksteen, hout, natuursteen en smeedijzer. De architecten van de Nieuwe Zakelijkheid werken met moderne materialen als glas, beton en staal.

De ontwerpen zijn strak van lijn, want het accent ligt op de functie van het gebouw. Versieringen zijn uit den boze. Voortrekker van de Amsterdamse School is Michel de Klerk. In de Rivierenbuurt vindt men woningen van hem aan Vrijheidslaan , , Kromme Mijdrechtstraat , en Meerhuizenplein , Schoonheidscommissie De gemeente stelt in een Schoonheidscommissie samen.

Die dient de esthetische kwaliteit te bewaken van de bebouwing op terreinen die door de gemeente in erfpacht zijn uitgegeven. In loopt het conflict dermate hoog op dat de commissie haar mandaat teruggeeft. De gemeente benoemt in een nieuwe Schoonheidscommissie. Bijna de helft van de leden zijn architecten van de Amsterdamse. Ernststraat LP Amsterdam Tel.: Bewonersconsulent Bij huurteam Rivierenbuurt is ook een bewonersconsulent werkzaam. Ook in geval een pand gesplitst wordt, kan voor advies en ondersteuning een beroep worden gedaan op de bewonersconsulent.

Om belangenverstrengeling te voorkomen, moeten alle ontwerpen anoniem worden ingediend. Schortjesarchitectuur Slechts een klein aantal van de particuliere bouwers die zijn aangesloten bij ABV doen een beroep op een architect. De meeste laten de plattegronden van de woningen ontwerpen een tekenaar. Maar voor de gevel vragen zij een architect van de Amsterdamse School. Dan weten zij zeker dat die door de Schoonheidscommissie wordt goedgekeurd. Hierdoor noemen architecten van de Nieuwe Zakelijkheid de Amsterdamse School laatdunkend: Dit is onterecht, want woningen van woningbouwverenigingen in bijvoorbeeld de P.

Sono stati rinvenuti "taccuini" contenenti fino a dieci tavolette. Nel tempo, furono anche disponibili modelli di lusso fatti con tavolette di avorio invece che di legno. Ad un certo punto i romani inventarono un taccuino più leggero e meno ingombrante, sostituendo legno o avorio con fogli di pergamena: Il passo fu breve dall'usare due o tre fogli come taccuino al legarne insieme una certa quantità per trascrivere testi estesi - in altre parole, creando un codex nel senso proprio che usiamo oggigiorno.

Ai romani va il merito di aver compiuto questo passo essenziale, e devono averlo fatto alcuni decenni prima della fine del I secolo d. Il grande vantaggio che offrivano rispetto ai rolli era la capienza, vantaggio che sorgeva dal fatto che la facciata esterna del rotolo era lasciata in bianco, vuota.

Il codice invece aveva scritte entrambe le facciate di ogni pagina, come in un libro moderno. La prima pagina porta il volto del poeta. I codici di cui parlava erano fatti di pergamena ; nei distici che accompagnavano il regalo di una copia di Omero , per esempio, Marziale la descrive come fatta di "cuoio con molte pieghe". Ma copie erano anche fatte di fogli di papiro.

In Egitto , dove cresceva la pianta del papiro ed era centro della sua manifattura per materiale scrittorio, il codex di tale materiale era naturalmente più comune della pergamena: Quando i greci ed i romani disponevano solo del rotolo per scrivere libri, si preferiva usare il papiro piuttosto che la pergamena. È quindi logico credere che la stessa preferenza venisse usata per il codex quando questo divenne disponibile.

I ritrovamenti egiziani ci permettono di tracciare il graduale rimpiazzo del rotolo da parte del codice. Fece la sua comparsa in Egitto non molto dopo il tempo di Marziale, nel II secolo d. Il suo debutto fu modesto. A tutt'oggi sono stati rinvenuti 1. Verso il d. Il rotolo comunque aveva ancora parecchi secoli davanti a sé, ma solo per documenti; quello che la gente leggeva per piacere, edificazione o istruzione era praticamente tutto su codici.

I ritrovamenti egiziani gettano luce anche sulla transizione del codex dal papiro alla pergamena. Sebbene gli undici codici della Bibbia datati in quel secolo fossero papiracei, esistono circa 18 codici dello stesso secolo con scritti pagani e quattro di questi sono in pergamena. Non ne scegliemmo alcuno, ma ne raccogliemmo altri otto per i quali gli diedi dracme in conto.

Deios, a quanto pare un libraio ambulante, voleva vendere una quantità di almeno quattordici codici di pergamena, che interessavano un residente del villaggio egiziano. Il codex tanto apprezzato da Marziale aveva quindi fatto molta strada da Roma. Nel terzo secolo, quando tali codici divennero alquanto diffusi, quelli di pergamena iniziarono ad essere popolari.

In breve, anche in Egitto , la fonte mondiale del papiro , il codice di pergamena occupava una notevole quota di mercato. I codici più antichi che sono sopravvissuti fuori dall'Egitto risalgono al quarto e quinto secolo d. Sono tutti di pergamena, edizioni eleganti, scritti in elaborata calligrafia su sottili fogli di pergamena.

Per tali edizioni di lusso il papiro era certamente inadatto. In almeno un'area, la giurisprudenza romana , il codex di pergamena veniva prodotto sia in edizioni economiche che in quelle di lusso.

Titoli di compilazioni celebri, il Codice teodosiano promulgato nel , ed il Codice giustinianeo promulgato nel , indicano che gli imperatori li facevano scrivere su codici, sicuramente di pergamena dato che erano più duraturi e più capienti e inoltre di ottima qualità, dato che erano prodotti sotto l'egida dell'imperatore. Dall'altro lato, basandoci sulle annotazioni di Libanio , intellettuale del IV secolo che nelle sue molteplici attività faceva anche l'insegnante di legge , si apprende che i libri di testo dei suoi studenti erano codici di pergamena.

Le ragioni erano buone: La caduta dell'Impero romano nel V secolo d. Il papiro divenne difficile da reperire a causa della mancanza di contatti con l' Antico Egitto e la pergamena , che per secoli era stata tenuta in secondo piano, divenne il materiale di scrittura principale. I monasteri continuarono la tradizione scritturale latina dell' Impero romano d'Occidente.

La tradizione e lo stile dell' Impero romano predominava ancora, ma gradualmente emerse la cultura del libro medievale. I monaci irlandesi introdussero la spaziatura tra le parole nel VII secolo. Essi adottarono questo sistema perché leggevano con difficoltà le parole latine. L'innovazione fu poi adottata anche nei Paesi neolatini come l'Italia , anche se non divenne comune prima del XII secolo.

Si ritiene che l'inserimento di spazi tra le parole abbia favorito il passaggio dalla lettura semi-vocalizzata a quella silenziosa. Prima dell'invenzione e della diffusione del torchio tipografico , quasi tutti i libri venivano copiati a mano, il che li rendeva costosi e relativamente rari. I piccoli monasteri di solito possedevano al massimo qualche decina di libri, forse qualche centinaio quelli di medie dimensioni.

In Età carolingia le più grandi collezioni raccoglievano circa volumi; nel Basso Medioevo la biblioteca pontificia di Avignone e la biblioteca della Sorbona di Parigi possedevano circa 2. Il processo della produzione di un libro era lungo e laborioso. Il supporto di scrittura più usato nell'Alto Medioevo, la pergamena, o vellum pelle di vitello , doveva essere preparato, poi le pagine libere venivano pianificate e rigate con uno strumento appuntito o un piombo , dopo di che il testo era scritto dallo scriba , che di solito lasciava aree vuote a scopo illustrativo e rubricativo.

Infine, il libro veniva rilegato dal rilegatore [26]. Le copertine erano fatte di legno e ricoperte di cuoio. Poiché la pergamena secca tende ad assumere la forma che aveva prima della trasformazione, i libri erano dotati di fermagli o cinghie.

In quest'epoca si usavano differenti tipi di inchiostro , usualmente preparati con fuliggine e gomma, e più tardi anche con noce di galla e solfato ferroso.

Esistono testi scritti in rosso o addirittura in oro, e diversi colori venivano utilizzati per le miniature. A volte la pergamena era tutta di colore viola e il testo vi era scritto in oro o argento per esempio, il Codex Argenteus. Per tutto l'Alto Medioevo i libri furono copiati prevalentemente nei monasteri, uno alla volta. Il sistema venne gestito da corporazioni laiche di cartolai , che produssero sia materiale religioso che profano [28].

Nelle prime biblioteche pubbliche i libri venivano spesso incatenati ad una libreria o scrivania per impedirne il furto. Questi libri furono chiamati libri catenati. Vedi illustrazione a margine. L' ebraismo ha mantenuto in vita l'arte dello scriba fino ad oggi.

Secondo la tradizione ebraica, il rotolo della Torah posto nella sinagoga deve esser scritto a mano su pergamena e quindi un libro stampato non è permesso, sebbene la congregazione possa usare libri di preghiere stampati e copie della Bibbia ebraica possano esser utilizzate per studio fuori della sinagoga.

Lo scriba ebraico sofer è altamente rispettato nell'ambito della comunità ebraica osservante. Anche gli arabi produssero e rilegarono libri durante il periodo medievale islamico , sviluppando tecniche avanzate di calligrafia araba , miniatura e legatoria.

Un certo numero di città del mondo islamico medievale furono sede di centri di produzione libraria e di mercati del libro. Col metodo di controllo, solo "gli autori potevano autorizzare le copie, e questo veniva fatto in riunioni pubbliche, in cui il copista leggeva il testo ad alta voce in presenza dell'autore, il quale poi la certificava come precisa". In xilografia , un'immagine a bassorilievo di una pagina intera veniva intarsiata su tavolette di legno, inchiostrata e usata per stampare le copie di quella pagina.

Questo metodo ebbe origine in Cina , durante la Dinastia Han prima del a. Il libro più antico stampato con questo sistema è il Sutra del Diamante d.

I monaci o altri che le scrivevano, venivano pagati profumatamente. Questa invenzione gradualmente rese i libri meno laboriosi e meno costosi da produrre e più ampiamente disponibili.

La stampa è una delle prime e più importanti forme di produzione in serie. I primi libri stampati, i singoli fogli e le immagini che furono creati prima del in Europa, sono noti come incunaboli.

Folio 14 recto del Vergilius romanus che contiene un ritratto dell'autore Virgilio. Da notare la libreria capsa , il leggio ed il testo scritto senza spazi in capitale rustica. Leggio con libri catenati , Biblioteca Malatestiana di Cesena. Incunabolo del XV secolo. Si noti la copertina lavorata, le borchie d'angolo e i morsetti.

Insegnamenti scelti di saggi buddisti , il primo libro stampato con caratteri metallici mobili, Bibliothèque nationale de France. Le macchine da stampa a vapore diventarono popolari nel XIX secolo. Queste macchine potevano stampare 1. Le macchine tipografiche monotipo e linotipo furono introdotte verso la fine del XIX secolo.

Potevano impostare più di 6. I secoli successivi al XV videro quindi un graduale sviluppo e miglioramento sia della stampa, sia delle condizioni di libertà di stampa , con un relativo rilassamento progressivo delle legislazioni restrittive di censura.

A metà del XX secolo , la produzione libraria europea era salita a oltre Nella seconda metà del XX secolo la tecnologia informatica ha reso possibile con la diffusione di libri in formato elettronico, poi chiamati eBook o e-book da electronic book ,una rivoluzione in quanto come ha evidenziato il bibliofilo Nick Carr dalle caratterestiche della carta stampata ovvero: Nel [34] nasce il Progetto Gutenberg , lanciato da Michael S.

Hart , la prima biblioteca di versioni elettroniche liberamente riproducibili di libri stampati. L'uso degli eBook al posto dei libri stampati si è tuttavia diffuso solo all'inizio del XXI secolo [35]. I libri a stampa sono prodotti stampando ciascuna imposizione tipografica su un foglio di carta. Il foglio stampato viene poi opportunamente piegato per ottenere un fascicolo o segnatura di più pagine progressive.

Le varie segnature vengono rilegate per ottenere il volume. L'apertura delle pagine, specialmente nelle edizioni in brossura , era di solito lasciata al lettore fino agli anni sessanta del XX secolo , mentre ora le segnature vengono rifilate direttamente dalla tipografia. Nei libri antichi il formato dipende dal numero di piegature che il foglio subisce e, quindi, dal numero di carte e pagine stampate sul foglio.

Nei libri moderni il formato è dato dall'altezza in centimetri, misurata al frontespizio , entro un minimo e un massimo convenzionalmente stabilito. Il termine " tascabile " riferito al libro rappresenta un concetto commerciale e identifica libri economici stampati in sedicesimo, la cui diffusione, a partire dall'ultimo Ottocento ma soprattutto nella seconda metà del XX secolo , ha permesso un notevole calo dei prezzi. Sostanzialmente - sia per il formato, sia per l'economicità - esso trova precedenti nella storia del libro anteriore alla stampa, già a partire dall'antichità il "libro che sta in una mano": Le "carte di guardia", o risguardi, o sguardie, sono le carte di apertura e chiusura del libro vero e proprio, che collegano materialmente il corpo del libro alla coperta o legatura.

Non facendo parte delle segnature , non sono mai contati come pagine. La loro utilità pratica è evidente in libri cartonati, o rilegati in tela, pelle o pergamena, dove aiutano a tenere unita la coperta rigida al blocco del libro. Nel libro antico le sguardie, poste a protezione delle prime pagine stampate o manoscritte del testo, contribuiscono a tenerlo insieme alla copertina con spaghi o fettucce passanti nelle cuciture al dorso; nel libro moderno è invece la garza che unisce i fascicoli alla copertina.

Si chiama "controguardia" la carta che viene incollata su ciascun "contropiatto" la parte interna del "piatto" della coperta, permettendone il definitivo ancoraggio. In origine era costituito dalla firma del copista o dello scriba, e riportava data, luogo e autore del testo; in seguito fu la formula conclusiva dei libri stampati nel XV e XVI secolo che conteneva, spesso in inchiostro rosso, il nome dello stampatore, luogo e data di stampa e l'insegna dell'editore.

Di norma i fascicoli che costituiscono il libro vengono tenuti insieme da un involucro detto appunto '"coperta" o "copertina", è la parte più esterna del libro spesso rigida e illustrata.

Usata raramente fino a tutto il Settecento quando solitamente l'editore vendeva i libri slegati o applicava una semplice copertina di protezione, che veniva poi gettata dal legatore divenne molto popolare a partire dai primi anni dell' Ottocento , forse su impulso degli stampatori Brasseur di Parigi [38]. Nel libro antico poteva essere rivestita di svariati materiali: Poteva essere decorata con impressioni a secco o dorature.

Ciascuno dei due cartoni che costituiscono la copertina viene chiamato piatto. I piatti hanno dimensioni leggermente più ampie rispetto al corpo del volume. La parte che sporge oltre il margine dei fogli è chiamata unghiatura , o unghia o cassa. Essa è anche realizzata nelle segnature fogli piegati per facilitare la raccolta o l'assemblaggio di un opuscolo.

Nel libro moderno la coperta è costituita dai due piatti e da un "dorso", per le cosiddette copertine rigide "legature a cartella" o "Bradel" o "cartonato" , oppure da un cartoncino più o meno spesso che, opportunamente piegato lungo la linea del dorso, abbraccia il blocco delle carte.

In quest'ultimo caso si parla di brossura e l'unghiatura è assente. Nata con funzioni prettamente pratiche quali la protezione del blocco delle carte e il permetterne la consultabilità, la coperta assume nel tempo funzioni e significati diversi, non ultimo quello estetico e rappresentativo. Nel XIX secolo la coperta acquista una prevalente funzione promozionale. Con la meccanizzazione e la diffusione dell'industria tipografica vengono introdotti altri tipi di legature e coperte, più economiche e adatte alle lavorazioni automatiche.

Il cartonato si diffonde nel XIX secolo, preferito per economicità, robustezza e resa del colore. Ha caratterizzato a lungo l'editoria per l'infanzia e oggi, ricoperto da una "sovraccoperta", costituisce il tratto caratteristico delle edizioni maggiori.

Modernamente la brossura è un sistema di legatura in cui i fascicoli o segnature vengono fresate dal lato del dorso e i fogli sciolti vengono incollati a una striscia di tela o plastica sempre al dorso cosiddetta "brossura fresata". Le "alette" o "bandelle" comunemente dette "risvolti di copertina" sono le piegature interne della copertina o della sovraccoperta vedi infra.

Generalmente vengono utilizzate per una succinta introduzione al testo e per notizie biografiche essenziali sull'autore. La "prima di copertina" o "copertina anteriore" o "piatto superiore" è la prima faccia della copertina di un libro.

Di norma, riporta le indicazioni di titolo e autore. La "quarta di copertina" o "copertina posteriore" o "piatto inferiore" è l'ultima faccia della copertina, usata oggi a scopo promozionale. Solitamente riporta notizie sull'opera e sull'autore, nonché il codice ISBN e il prezzo del volume se non è indicato nel risvolto di copertina. I libri con copertina cartonata in genere sono rivestiti da una "sovraccoperta". Ha di solito la funzione di reclamizzare il libro, per cui riporta i dati essenziali dell'opera ed è sempre a colori ed illustrata.

2018 Awards